logo

Lavoro - Cgil, così si cancellano solo i diritti 

"Nuovo rallentamento dei contratti a tempo indeterminato, crescita dell'incidenza del contratto a termine sul totale delle attivazioni e aumento delle cessazioni dimostrano che il mercato del lavoro è tutt'altro che stabilizzato e risente dell'assenza di politiche di sostegno alla domanda. Incentivi e deregolazione non bastano, sono ricette vecchie che non danno risposte adeguate". Così Serena Sorrentino, segretaria confederale della Cgil, ha commentato i primi dati resi noti dal ministero del Lavoro, riferiti al mese di maggio 2015 e ricavati dal Sistema Informativo delle Comunicazioni Obbligatorie."Il quadro ci preoccupa: lo scorso mese - spiega Sorrentino - le attivazioni a tempo indeterminato sono state 153.633, il 19,7% del totale, a fronte di 152.023 cessazioni (25,2%), mentre ad aprile le prime raggiungevano quota 199.640 (21,9% del totale) e le cessazioni 149.789 (21,4%)". "Altro dato preoccupante - continua - è la diminuzione delle trasformazioni: a maggio 29.934, ad aprile 36.428". "Nessuno rileva poi il rialzo del ricorso al contratto a termine - sottolinea la dirigente sindacale - che torna ad avere un'incidenza maggiore sulle attivazioni totali (66,5% nel maggio 2015 e 65,6% ad aprile 2015)".Per Sorrentino "il tema vero rimane la creazione di occupazione e lo stimolo agli investimenti: cancellare i diritti del lavoro, come accaduto con il jobs act, non sta determinando quella svolta epocale annunciata dal governo. Per questo - conclude Sorrentino - la nostra mobilitazione continua con la contrattazione, con il Piano del lavoro e la proposta di nuovo Statuto dei diritti delle lavoratrici e lavoratori".

25/06/2015 07.03