logo
Tagli ai patronati - Lombardia, patronati in bilico

"In Lombardia, il sistema dei patronati agisce da intermediario nei confronti dell'Inps almeno per il 90% delle prestazioni ottenuta dai cittadini - sottolinea Mauro Paris, coordinatore regionale Inca Lombardia,  in un'intervista sul Corriere della Sera, pagina regionale.

Per intenderci i patronati del lavoro dipendente, si sono fatti complessivamente carico della decisione unilaterale dell'Inps di rendere obbligatorio l'invio in forma telematica di tutte le domande di prestazioni di disoccupazione, ciò avveniva nel 2011 proprio nel pieno dell'imponente crisi occupazionale tuttora in corso e che porta per le sole prestazioni a sostegno del reddito, quasi mezzo milione di lombardi ogni anno nelle nostre sedi".

"Inoltre, tra il 2010 e il 2013 - continua - il solo Inca ha seguito le pratiche per oltre 3.000 esodati ...".

"Dal punto di vista  economico, calcoli eseguiti dall'Inps rivelano che, - sottolinea -  delegando tutti i servizi svolti finora dai patronati, le casse pubbliche risparmiano circa 657 milioni all'anno, contro un esborso di 430 milioni .... Per garantire lo stesso livello di servizio lo Stato dovrebbe aprire oltre 6 mila nuovi presidi..".
  
13/11/2014